Insediato il nuovo consiglio direttivo del Terziario Donna di Confcommercio della Granda

Insediato il nuovo consiglio direttivo del Terziario Donna di Confcommercio della Granda

Parola d’ordine: valorizzazione e sostegno all’imprenditoria femminile Aurelia Della Torre confermata presidente provinciale

“Quanto fatto nei decenni precedenti per l’Imprenditoria Femminile – afferma Aurelia Della Torre – è solamente un punto di partenza”.
È questa il “leitmotiv” che ha caratterizzato l’insediamento del nuovo Consiglio direttivo del Terziario Donna della provincia di Cuneo, il raggruppamento “al femminile” di Confcommercio della Granda, nato negli anni ’90 su sua iniziativa, riunitosi nei giorni scorsi e che ha provveduto al rinnovo delle proprie cariche sociali.
Le componenti del Consiglio direttivo sono le rappresentanti delle Ascom territoriali nelle persone di Silvana Boetti per la zona di Fossano, Luciana Bonetto per Bra, Laura Giraudo per Carrù, Stefania Buzzoni per Saluzzo, Maria Patrizia Mansuino per l’area monregalese e Simona Trucco per il saviglianese.
Dopo i saluti da parte di Marco Manfrinato, Segretario generale di Confcommercio-Imprese per l’Italia-della provincia di Cuneo, che ha ringraziato la Della Torre per l’incessante sostegno alla valorizzazione del ruolo dell’imprenditoria femminile nel sistema associativo, il neo consiglio direttivo le ha rinnovato la fiducia ed ha nominato sua vice presidente Luciana Bonetto.
“Saluto e ringrazio – afferma Luca Chiapella, presidente di Confcommercio-Imprese per l’Italia-della provincia di Cuneo – Aurelia per consueta e squisita disponibilità; non ha mai fatto mancare il suo appoggio ed il suo contributo di idee, ha intessuto rapporti umani e professionali, anche a livello nazionale, con la sua partecipazione in rappresentanza provinciale nel direttivo di Terziario Donna nazionale confederale”.
“La sua presenza – conclude Chiapella - è una certezza importante per continuare nel lavoro e nel progresso a favore nel “lavoro al femminile”, tanto importante per l’economia provinciale e nazionale e per l’evoluzione professionale”.